ADULLAM: Località a circa 25 km a Sud­ovest di Gerusalemme, 1°Samuele 22:1. Davide partì di là e si rifugiò nella spelonca di Adullam. Quando i suoi fratelli e tutta la famiglia di suo padre lo seppero, scesero là per unirsi a lui. Tutti quelli che erano in difficoltà, che avevano debiti o che erano scontenti, si radunarono presso di lui ed egli divenne loro capo. Così ebbe con sé circa quattrocento uomini. La cava di Adullam è fonte di vari insegnamenti per la vita di quanti hanno il desiderio e si stanno impegnando per essere gente di valore. Non bisogna disperare, quando i fatti precipitano, dopo l’unzione, la vittoria su Golia, il matrimonio con la figlia del re, le grandi vittorie, l’amicizia di Gionatan, . . . ! Anche se vai ad Adullam la scuola di Dio è misteriosa ma efficace.

| Leggi altro |

giovedì 1 febbraio 2018

E' IMPORTANTE ESSERE APPROVATI PER QUELLO CHE SI FA SE L'APPROVAZIONE VIENE DAL SIGNORE .

 Quando Dio sceglie, per grazia, di salvare una persona, questo è l'avvenimento più grande di tutta la sua vita! Trasforma la sua vita e anche la sua eternità. Quella persona diventa un figlio di Dio, un cittadino del cielo, una nuova creatura.

Però Dio, quando salva una persona, la lascia quasi sempre sulla terra, spesso per tanti anni, prima di portarla in cielo.

Noi che siamo stati salvati da Dio, come dobbiamo vivere mentre siamo in questo cammino verso la nostra eredità eterna in cielo?

Ci sono tanti brani nella Bibbia che parlano di come dovremmo comportarci come credenti gli uni verso gli altri. Allora, ci potrebbe essere il rischio che un credente possa pensare che visto che non apparteniamo più al mondo, non ha alcuna importanza se ci comportiamo male verso i non credenti. Ma così non deve mai essere! Infatti più volte nella Bibbia, come anche in 1Pietro, Dio ci comanda di comportarci bene nei confronti dei non credenti. Questo buon comportamento è un aspetto dell'essere una luce nel mondo.

Nella Prima Epistola di Pietro, egli ci spiega come dobbiamo comportarci mentre viviamo come stranieri in questo mondo. Nell'ultimo sermone, in 1Pietro 2:11,12, abbiamo visto che dobbiamo comportarci bene fra i gentili, ovvero fra i non credenti intorno a noi. Vi leggo.

“11 Carissimi, io vi esorto, come stranieri e pellegrini, ad astenervi dai desideri della carne che guerreggiano contro l’anima. 12 Comportatevi bene fra i gentili affinché, là dove vi accusano di essere dei malfattori, a motivo delle buone opere che osservano in voi, possano glorificare Dio nel giorno della visitazione.” (1Pi 2:11-12 )

Dio non solo ci comanda di comportarci bene verso i non credenti, ma ci dà degli esempi specifici in vari campi della vita di cosa significa avere un buon comportamento. Non basta solamente capire i principi biblici, ma dobbiamo arrivare anche a capire come applicarli nella vita di tutti i giorni.

Quindi, oggi vogliamo considerare 1Pietro 2:13-17, in cui Pietro inizia a spiegare alcuni aspetti di un buon comportamento fra i non credenti. Preghiamo di capire bene queste verità, in modo da poter vivere di più come Dio vuole.

La sottomissione alle autorità umane


Iniziando con i vv.13, 14, troviamo subito un modo specifico per aver un buon comportamento fra i non credenti. Pietro parla del nostro comportamento nei riguardi di tutte le varie istituzioni umane. Leggo.

“13 Sottomettetevi dunque per amore del Signore ad ogni autorità costituita: sia al re come al sovrano, 14 sia ai governatori, come mandati da lui per punire i malfattori e per lodare quelli che fanno il bene,” (1Piet 2:13-14 )

Dio comanda che ogni credente sia sottomesso ad ogni autorità costituita. Questo brano parla del nostro comportamento e del motivo che abbiamo di comportarci così. Consideriamo prima di tutto cosa sono le autorità costituite.

Autorità costituita


Dobbiamo essere sottomessi alle autorità costituite. La NRV traduce questo termine con “ogni umana istituzione”.

Dio ha stabilito che in ogni società ci sia qualche forma di autorità stabilita. Dove non esiste un'autorità, con le sue leggi o regole, esiste l'anarchia, il disordine. In una condizione così, non c'è freno al peccato dell'uomo. È ovvio che nessuna istituzione o autorità segue Dio perfettamente, e infatti la maggioranza non segue Dio per nulla, ma questo fatto non cambia il comandamento di essere sottomessi alle autorità.

Le autorità possono variare di tanti tipi, e possono riguardare tanti campi della vita. Un brano che ci aiuta a capire il piano di Dio a questo riguardo è Romani 13:1-7.

“1 Ogni persona sia sottoposta alle autorità superiori, poiché non c’è autorità se non da Dio, e le autorità che esistono sono istituite da Dio. 2 Perciò chi resiste all’autorità, resiste all’ordine di Dio; e quelli che vi resistono attireranno su di sé la condanna. 3 I magistrati infatti non sono da temere per le opere buone, ma per le malvagie; ora vuoi non temere l’autorità? Fa’ ciò che è bene, e tu riceverai lode da essa, 4 perché il magistrato è ministro di Dio per te nel bene; ma se tu fai il male, temi, perché egli non porta la spada invano; poiché egli è ministro di Dio, un vendicatore con ira contro colui che fa il male. 5 Perciò è necessario essergli sottomessi, non solo per timore dell’ira ma anche per ragione di coscienza. 6 Infatti per questo motivo pagate anche i tributi, perché essi sono ministri di Dio, dediti continuamente a questo servizio. 7 Rendete dunque a ciascuno ciò che gli è dovuto: il tributo a chi dovete il tributo, l’imposta a chi dovete l’imposta, il timore a chi dovete il timore, l’onore a chi l’onore.” (Rom 13:1-7 )

Questo brano ci aiuta a capire che esistono tante forme di autorità. Ci sono autorità nazionali, ci sono autorità che riguardano il comune, ci sono autorità che riguardano le scuole, ci sono autorità in quasi ogni campo della vita.

Essendo costituite da uomini peccatori, ogni autorità e ogni istituzione sono imperfette. Però, sono state istituite da Dio, e bisogna ubbidire a loro, a patto che non contraddicano direttamente un comandamento di Dio.

Quindi, quando parliamo delle autorità costituite, ricordiamoci che esse riguardano qualsiasi tipo di istituzione che ha autorità in qualche campo della vita. Per uno studente, la sua autorità costituita è la scuola, per chi ha una casa da ristrutturare è l'ufficio tecnico, per chi guida l'autorità è chi ha stabilito il codice stradale, per tutti è lo Stato, e così per ogni altro campo.

Il nostro comportamento: la sottomissione


Abbiamo tante autorità. In questo versetto, Dio ci comanda di esserne sottomessi. Vi leggo ancora la prima parte del v. 13:

“Sottomettetevi dunque per amore del Signore ad ogni autorità costituita” (1Pi 2:13 )

Dio ci comanda di sottometterci ad ogni autorità costituita.

Dobbiamo ricordarci che questo comandamento non è limitato a quelle autorità che sono buone e che non sbagliano, così come i comandamenti che riguardano il comportamento di un marito o di una moglie non sono limitati solamente a quei mariti o a quelle mogli che non peccano mai. Ogni marito sbaglia, ogni moglie sbaglia, e ogni autorità costituita sbaglia. Noi siamo responsabili di vivere secondo i comandamenti di Dio, indipendentemente da come le autorità si comportano. E per quanto riguarda le autorità, Dio ci comanda di essere loro sottomessi.

Ricordiamoci che l'essere sottomessi riguarda non solo il nostro comportamento, ma anche il nostro atteggiamento. Se per esempio lo Stato stabilisce che bisogna seguire una certa procedura, ed io la faccio ma brontolando che è una cosa assurda, io non sono veramente sottomesso. Non solo, ma non sto onorando Dio, e non sono una luce nel mondo.

Faccio una piccola parentesi. A ciascuno di voi chiedo: è possibile avere vera gioia se ti stai lamentando di qualcosa? Uno che brontola può avere grande pace nel cuore? Quando pecchiamo, lamentandoci o brontolando, non solo siamo una brutta testimonianza, ma perdiamo la pace e la gioia che possiamo avere quando guardiamo a Cristo.

Tornando alla sottomissione, dovremmo seguire la legge e le regole attentamente, e con un buon atteggiamento. Facendo così, un credente sarà un cittadino modello. Uno studente dovrebbe essere uno studente modello. Dovremmo essere esemplari nel nostro modo di vivere.

Nel v.14, Pietro ci dà qualche esempio di autorità. Vi leggo:

“sia al re, come al sovrano, sia ai governatori, come mandati da lui per punire i malfattori e per dare lode a quelli che fanno il bene.”

Ci sono vari livelli di autorità nella società, ognuna sopra un campo diverso. Noi dovremmo essere sottomessi ad ogni autorità.

Non solo, ma dovremmo capire che l'autorità esiste per dei buoni scopi: punisce i malfattori e loda coloro che fanno del bene. Certamente, in un mondo di peccato, nessuna autorità è perfetta. Certamente ci sono tanti esempi di corruzione. Ma ricordiamoci che è sempre stato così da quando il mondo è mondo, e perciò, era così anche quando Dio ha guidato Pietro a scrivere queste parole, e quando ha guidato Paolo a scrivere parole simili in Romani 13. Perciò, Dio vuole che noi siamo sottomessi alle autorità, nonostante che esse siano ingiuste o corrotte. Come dicevo prima, questa sottomissione non ci deve indurre a disubbidire a dei chiari comandamenti di Dio.

Il motivo: per amore del Signore


Il v. 13 contiene una frase molto importante, che ci può incoraggiare molto, soprattutto quando è difficile sottometterci ad un'autorità cattiva ed ingiusta. Leggo di nuovo il v.13

“Sottomettetevi dunque per amore del Signore ad ogni autorità costituita,” (1Pi 2:13 )

Questo versetto ci ricorda il motivo per cui dobbiamo sottometterci ad ogni autorità costituita. Dobbiamo farlo “per amore del Signore”. Il MOTIVO per cui dobbiamo sottometterci non è perché le autorità sono buone o meritano la nostra sottomissione, ma lo dobbiamo fare per amore del Signore.

Nel Greco, non troviamo la parola “amore”, ed una traduzione più letterale è: “a motivo del Signore”. Cioè, quello che facciamo, lo dobbiamo fare per Dio. Se vuoi avere tanta gioia, non devi fare la cosa giusta per gli altri, perché se loro ti dovessero trattare male, ti diventerebbe molto pesante riuscire a fare la cosa giusta. Piuttosto, devi fare la cosa giusta per il Signore, allora sì che puoi avere grande gioia.

Troviamo questo principio in Colossesi 3, in cui Paolo esorta i servi a lavorare nel modo giusto per il Signore. Egli dice:

“22 Servi, ubbidite in ogni cosa ai vostri padroni secondo la carne, non servendo solo quando vi vedono, come per piacere agli uomini, ma con semplicità di cuore, temendo Dio. 23 E qualunque cosa facciate, fatelo di buon animo, come per il Signore e non per gli uomini, 24 sapendo che dal Signore riceverete la ricompensa a dell’eredità, poiché voi servite a Cristo, il Signore.” (Col 3:22-24 )

Il datore di lavoro è un esempio di autorità costituita, come lo sono le autorità della scuola, le autorità dello stato, e quelle del comune. La nostra sottomissione deve essere fatta a motivo del Signore, per la sua gloria, per ricevere la sua approvazione, per portare gloria a Lui. Oh che possiamo ricordarci di questa verità, per arrivare nella sua presenza con gioia, e non con vergogna!

v.15 Un risultato


Il v.15 ci spiega qual'è la volontà di Dio per noi per quanto riguarda la nostra sottomissione alle autorità costituite. Leggiamolo.

“perché questa è la volontà di Dio, che, facendo il bene, turiate la bocca all’ignoranza degli uomini stolti.” (1Pi 2:15 )

Dio ci ha lasciato su questo terra per essere luce e sale. Cioè, noi siamo la luce di Dio per i non credenti intorno a noi. Gesù dichiara:

“14 Voi siete la luce del mondo; una città posta sopra un monte non può essere nascosta. 15 Similmente, non si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candeliere, perché faccia luce a tutti coloro che sono in casa.” (Mat 5:14-15 )

Essendo la luce del mondo, Dio ci chiama ad avere un comportamento così buono che i non credenti, che vorrebbero sparlare di noi, non abbiano nulla da ridire sul nostro presunto cattivo comportamento che sia minimamente vero.

Vediamo un buon esempio di come dobbiamo vivere in Daniele, nell'Antico Testamento. Leggiamo Daniele 6:1-5

“1 Piacque a Dario di stabilire sul regno centoventi satrapi, i quali fossero preposti su tutto il regno, 2 e sopra di loro tre prefetti, di cui uno era Daniele, ai quali quei satrapi dovevano render conto, perché il re non ne soffrisse alcun danno. 3 Ora questo Daniele eccelleva sugli altri prefetti e satrapi, perché in lui c’era uno spirito superiore, e il re pensava di stabilirlo sopra tutto il regno. 4 Allora i prefetti e i satrapi cercarono di trovare un pretesto contro Daniele riguardo l’amministrazione del regno, ma non poterono trovare alcun pretesto o corruzione, perché egli era fedele e non si poté trovare in lui alcun errore o corruzione. 5 Allora quegli uomini dissero: "Non troveremo mai nessun pretesto contro questo Daniele, eccetto che lo troviamo contro di lui nella legge stessa del suo Dio".” (Dan 6:1-5 )

Nonostante che questi uomini malvagi odiassero Daniele e volessero criticarlo, non riuscirono a trovare nulla da criticare per quanto riguarda il suo comportamento! È proprio così che Dio ci chiama a vivere! In ogni situazione, specificatamente in quelle situazioni in cui siamo sotto a delle autorità, che perciò possono anche essere difficili od ingiuste, Dio ci chiama a comportarci in modo talmente buono, che gli uomini stolti, cioè gli uomini che non temono Dio, non potranno avere nulla da ridire contro di noi.

Chiedo a ciascuno di voi: tu vivi così? Il tuo comportamento con i non credenti, specificatamente in situazioni che riguardano le varie autorità che ti sono stabilite, è un comportamento così corretto e così buono che essi non hanno nulla di vero da ridire contro di te?

Oh che possiamo vivere così, perché questa è la volontà del nostro Dio e Salvatore!

v.16 un pericolo da evitare


Arriviamo ora al v.16, che ci avverta di un grave pericolo da evitare. Leggiamolo:

“Comportatevi come uomini liberi, non facendo uso della libertà come di un pretesto per coprire la malvagità, ma come servi di Dio.” (1Pi 2:16 )

È estremamente importante capire le verità di questo versetto, quindi, analizziamole attentamente.

Se siamo in Cristo, se siamo salvati, siamo uomini e donne liberi. Abbiamo la vera libertà in Cristo Gesù, come Gesù dichiara in Giovanni 8:33.

“31 Gesù disse allora ai Giudei che avevano creduto in lui: "Se dimorate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; 32 conoscerete la verità e la verità vi farà liberi".” (Giov 8:31-32 )

Anche Galati 5 parla della nostra libertà in Cristo Gesù.

“State dunque saldi nella libertà con la quale Cristo ci ha liberati, e non siate di nuovo ridotti sotto il giogo della schiavitù.” (Ga 5:1)

Chi non è in Cristo, è sotto la schiavitù del peccato. Inoltre, senza Cristo, uno è sotto il giogo della legge, in quanto, non avendo la giustizia di Cristo, sarà giudicato in base alla legge, e quindi, sarà condannato. Infatti, in Galati 5, quando Paolo esorta di non essere sotto il giogo della schiavitù, parla del fatto di non ritornare sotto il giogo della legge.

Essendo perciò liberi in Cristo, il pericolo che corriamo è di credere, in modo sbagliato, che la nostra libertà ci autorizza a non essere sottomessi alle autorità costituite. Il fatto che siamo cittadini del cielo, e liberi in Cristo, non ci esenta dal dover essere sottomessi alle autorità umane.

Chi invece non si sottomette alle autorità, dicendo di esserne esente perché è libero in Cristo, usa la sua libertà come un velo, come un pretesto, per coprire la malvagità.

È importante capire questo. Se noi usiamo la libertà che abbiamo in Cristo per non essere sottomessi a coloro che sono sopra di noi, stiamo peccando e stiamo usando la nostra libertà come pretesto di malvagità. La libertà in Cristo non è la libertà di vivere come vogliamo noi!

Oggi, quando certi credenti vengono ammoniti per certi loro comportamenti sbagliati, rispondono dicendo qualcosa come: “Siamo liberi in Cristo, e tu non puoi dirmi come devo vivere!”. Essi stanno usando la loro libertà per vivere come vogliono, e così, stanno coprendo la loro malvagità con un pretesto, un velo, di libertà.

La vera libertà in Cristo non è la libertà di fare quello che vogliamo. È la libertà dal potere del peccato. Anziché servire il peccato, abbiamo il dovere, che è anche un privilegio, di essere servi di Dio. Leggo ancora.

“Comportatevi come uomini liberi, non facendo uso della libertà come di un pretesto per coprire la malvagità, ma come servi di Dio.” (1Pi 2:16 )

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO PER CHI COMMENTA
Dovete mettere i vostri nomi e cognomi veri. Chi vuol dire qualcosa di vero non deve aver paura di mettere il suo nome e cognome.
I vostri commenti che lascerete non saranno approvati solo se, sono anonimi , offensivi, volgari e insensati.