ADULLAM: Località a circa 25 km a Sud­ovest di Gerusalemme, 1°Samuele 22:1. Davide partì di là e si rifugiò nella spelonca di Adullam. Quando i suoi fratelli e tutta la famiglia di suo padre lo seppero, scesero là per unirsi a lui. Tutti quelli che erano in difficoltà, che avevano debiti o che erano scontenti, si radunarono presso di lui ed egli divenne loro capo. Così ebbe con sé circa quattrocento uomini. La cava di Adullam è fonte di vari insegnamenti per la vita di quanti hanno il desiderio e si stanno impegnando per essere gente di valore. Non bisogna disperare, quando i fatti precipitano, dopo l’unzione, la vittoria su Golia, il matrimonio con la figlia del re, le grandi vittorie, l’amicizia di Gionatan, . . . ! Anche se vai ad Adullam la scuola di Dio è misteriosa ma efficace.

| Leggi altro |

sabato 3 febbraio 2018

UN ESEMPIO DELLA POTENZA DELLA PREGHIERA .

 “…Per poco non mi persuadi a diventar cristiano” (Atti 26:28)

Lo scienziato britannico Thomas Huxley (1825-1895) fu un grande sostenitore della teoria dell’evoluzione, tanto da guadagnarsi il soprannome di “mastino di Darwin”.

Egli era agnostico ed era convinto che la religione fosse una superstizione pericolosa.

Un giorno Huxley chiese ad un cristiano devoto: “Cosa significa per te la tua fede?”.

Conoscendo lo scetticismo dello scienziato, l’uomo ci pensò un attimo, poi disse: “Lei è una persona molto colta, può confutare ogni mia singola parola”.

Lo scienziato insistette per sapere il motivo per il quale il fratello credeva in Cristo.

Quel semplice credente gli disse col cuore tutto quello che Gesù significava per lui.

Huxley, profondamente commosso, non fece alcuna discussione, anzi esclamò: “Darei il mio braccio destro per possedere la tua fede in Gesù!”.

Possiamo trarre due lezioni da questo episodio.

La prima è che, malgrado l’istruzione sia importante, per esercitare la fede che salva l’anima (Efesini 2:8, 9) non serve una particolare cultura.

La seconda lezione è che la semplice e diretta testimonianza dal cuore spesso può essere più efficace della discussione di uno studioso.

Davanti al re Agrippa l’apostolo Paolo raccontò come Gesù avesse cambiato la sua vita e il sovrano fu profondamente toccato da quelle parole.

Non esitiamo a raccontare agli altri quello che Gesù significa per noi.

Nel dire agli altri quello che Cristo può fare per loro.

Racconta quello che Egli ha compiuto per te!

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO PER CHI COMMENTA
Dovete mettere i vostri nomi e cognomi veri. Chi vuol dire qualcosa di vero non deve aver paura di mettere il suo nome e cognome.
I vostri commenti che lascerete non saranno approvati solo se, sono anonimi , offensivi, volgari e insensati.