ADULLAM: Località a circa 25 km a Sud­ovest di Gerusalemme, 1°Samuele 22:1. Davide partì di là e si rifugiò nella spelonca di Adullam. Quando i suoi fratelli e tutta la famiglia di suo padre lo seppero, scesero là per unirsi a lui. Tutti quelli che erano in difficoltà, che avevano debiti o che erano scontenti, si radunarono presso di lui ed egli divenne loro capo. Così ebbe con sé circa quattrocento uomini. La cava di Adullam è fonte di vari insegnamenti per la vita di quanti hanno il desiderio e si stanno impegnando per essere gente di valore. Non bisogna disperare, quando i fatti precipitano, dopo l’unzione, la vittoria su Golia, il matrimonio con la figlia del re, le grandi vittorie, l’amicizia di Gionatan, . . . ! Anche se vai ad Adullam la scuola di Dio è misteriosa ma efficace.

| Leggi altro |

sabato 16 marzo 2019

NON STA A NOI DARE GIUDIZIO ANCHE PERCHE' IL SIGNORE CONOSCE I SEGRETI DEL NOSTRO CUORE .


Prima lettera ai Corinzi - capitolo 4. 


1Ognuno ci consideri come servi di Cristo e amministratori dei misteri di Dio. 2Ora, ciò che si richiede agli amministratori è che ognuno risulti fedele. 3A me però importa assai poco di venire giudicato da voi o da un tribunale umano; anzi, io non giudico neppure me stesso, 4perché, anche se non sono consapevole di alcuna colpa, non per questo sono giustificato. Il mio giudice è il Signore! 5Non vogliate perciò giudicare nulla prima del tempo, fino a quando il Signore verrà. Egli metterà in luce i segreti delle tenebre e manifesterà le intenzioni dei cuori; allora ciascuno riceverà da Dio la lode.

venerdì 15 marzo 2019

STOLTI E DI QUESTO MONDO O FIGLIOLI DI DIO E AVVEDUTI !


Vangelo secondo Matteo - capitolo 25. 


1Allora il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. 2Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; 3le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; 4le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. 5Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. 6A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. 7Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. 8Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. 9Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”. 10Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. 11Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. 12Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”. 13Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora.

domenica 10 marzo 2019

OGNI NOSTRA FIDUCIA SIA POSTA NELLO SPIRITO E NON NELLA CARNE CHE E' MOTIVO DI PECCATO .


Lettera ai Filippesi - capitolo 3. 


1Per il resto, fratelli miei, siate lieti nel Signore. Scrivere a voi le stesse cose, a me non pesa e a voi dà sicurezza. 2Guardatevi dai cani, guardatevi dai cattivi operai, guardatevi da quelli che si fanno mutilare! 3I veri circoncisi siamo noi, che celebriamo il culto mossi dallo Spirito di Dio e ci vantiamo in Cristo Gesù senza porre fiducia nella carne, 4sebbene anche in essa io possa confidare. Se qualcuno ritiene di poter avere fiducia nella carne, io più di lui: 5circonciso all’età di otto giorni, della stirpe d’Israele, della tribù di Beniamino, Ebreo figlio di Ebrei; quanto alla Legge, fariseo; 6quanto allo zelo, persecutore della Chiesa; quanto alla giustizia che deriva dall’osservanza della Legge, irreprensibile.

venerdì 8 marzo 2019

NESSUN UOMO SI ILLUDA OGNI NOSTRO PASSO , OGNI NOSTRA VIA LI DECIDE IL SIGNORE DIO L'ETERNO .


PROVERBI - capitolo 20. 


1Il vino è beffardo, il liquore è tumultuoso;
chiunque si perde dietro ad esso non è saggio.
2La collera del re è come ruggito di leone;
chiunque lo irrita rischia la vita.
3È una gloria evitare le contese,
attaccar briga è proprio degli stolti.
4Il pigro non ara d’autunno:

venerdì 1 marzo 2019

FACILE INNALZARE IL SIGNORE NELLE PROSPERITA' E NELLA SALUTE . MA SE VUOI CONOSCERE UN VERO FIGLIO DI DIO TESTALO NELLA POVERTA' E NELLA MALATTIA E POSSO DIRTI CHE DA QUELLA PERSONA TU RICEVERAI BENEDIZIONI E GIOIA NEL CUORE .


Vangelo secondo Matteo - capitolo 13. 


1Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. 2Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia.
3Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. 4Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. 5Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, 6ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. 7Un’altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. 8Un’altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. 9Chi ha orecchi, ascolti».

martedì 26 febbraio 2019

COSA RESTA A NOI SUOI FIGLI SE NON CONFIDARE NEL SIGNORE DIO DEI CIELI E DELLA TERRA .


LIBRO DEI SALMI - Salmo 115 . 


1 (113,9) Non a noi, Signore, non a noi,
ma al tuo nome da’ gloria,
per il tuo amore, per la tua fedeltà.
2 (113,10) Perché le genti dovrebbero dire:
«Dov’è il loro Dio?».
3 (113,11) Il nostro Dio è nei cieli:
tutto ciò che vuole, egli lo compie.

domenica 24 febbraio 2019

QUANTO GRANDI POSSANO ESSERE LE NOSTRE PERPLESSITA' O LAGUNE SIA FISICHE CHE MENTALI QUANDO IL SIGNORE DECIDE CHE DEBBA ESSERE UN SUO STRUMENTO EGLI LO FARA' . QUINDI MAI CONTENDERE CON IL SIGNORE .


ESODO - capitolo 4


1Mosè replicò dicendo: «Ecco, non mi crederanno, non daranno ascolto alla mia voce, ma diranno: “Non ti è apparso il Signore!”». 2Il Signore gli disse: «Che cosa hai in mano?». Rispose: «Un bastone». 3Riprese: «Gettalo a terra!». Lo gettò a terra e il bastone diventò un serpente, davanti al quale Mosè si mise a fuggire. 4Il Signore disse a Mosè: «Stendi la mano e prendilo per la coda!». Stese la mano, lo prese e diventò di nuovo un bastone nella sua mano. 5«Questo perché credano che ti è apparso il Signore, Dio dei loro padri, Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe». 6Il Signore gli disse ancora: «Introduci la mano nel seno!». Egli si mise in seno la mano e poi la ritirò: ecco, la sua mano era diventata lebbrosa, bianca come la neve. 7Egli disse: «Rimetti la mano nel seno!». Rimise in seno la mano e la tirò fuori: ecco, era tornata come il resto della sua carne. 8«Dunque se non ti credono e non danno retta alla voce del primo segno, crederanno alla voce del secondo! 9Se non crederanno neppure a questi due segni e non daranno ascolto alla tua voce, prenderai acqua del Nilo e la verserai sulla terra asciutta: l’acqua che avrai preso dal Nilo diventerà sangue sulla terra asciutta».

venerdì 22 febbraio 2019

ADULLAM PRESENTA : ASCOLTANDO LA PAROLA .


LA RIPRENSIONE DI DIO NON E' MAI PARI AL NOSTRO PECCATO EGLI LO FA PER AMORE NON COME GLI UOMINI CHE VOGLIONO UCCIDERE .


LIBRO DEI SALMI - Salmo 103 . 


1 Di Davide.
Benedici il Signore, anima mia,
quanto è in me benedica il suo santo nome.
2 Benedici il Signore, anima mia,
non dimenticare tutti i suoi benefici.
3 Egli perdona tutte le tue colpe,
guarisce tutte le tue infermità,
4 salva dalla fossa la tua vita,
ti circonda di bontà e misericordia,
5 sazia di beni la tua vecchiaia,
si rinnova come aquila la tua giovinezza.

giovedì 21 febbraio 2019

IL SERVO ANCHE NELLA PROVA NON DIMENTICA CIO CHE HA FATTO DIO E NON SE NE ALLONTANA ANCHE SE AFFLITTO .


GIOBBE - capitolo 29. 


1Giobbe continuò il suo discorso dicendo:
2«Potessi tornare com’ero ai mesi andati,
ai giorni in cui Dio vegliava su di me,
3quando brillava la sua lucerna sopra il mio capo
e alla sua luce camminavo in mezzo alle tenebre;
4com’ero nei giorni del mio rigoglio,
quando Dio proteggeva la mia tenda,
5quando l’Onnipotente stava ancora con me
e i miei giovani mi circondavano,
6quando mi lavavo i piedi nella panna
e la roccia mi versava ruscelli d’olio!

mercoledì 20 febbraio 2019

NON RICONOSCUTI DAL MONDO MA AMATI DAL PADRE NOSTRO CHE E' NEI CIELI .


Prima lettera di Giovanni - capitolo 3. 


1Vedete quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente! Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui. 2Carissimi, noi fin d’ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è.
3Chiunque ha questa speranza in lui, purifica se stesso, come egli è puro. 4Chiunque commette il peccato, commette anche l’iniquità, perché il peccato è l’iniquità. 5Voi sapete che egli si manifestò per togliere i peccati e che in lui non vi è peccato. 6Chiunque rimane in lui non pecca; chiunque pecca non l’ha visto né l’ha conosciuto.

martedì 19 febbraio 2019

GLI ALIMENTI SONO IMPORTANTI E VANNO SELEZIONATI QUANTO PIU' QUELLI SPIRITUALI .


Vangelo secondo Giovanni - capitolo 6. 


1Dopo questi fatti, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, 2e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. 3Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. 4Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.
5Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». 6Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. 7Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo». 8Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: 9«C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?».

sabato 16 febbraio 2019

ESSERE PADRE CI RICORDA ANCHE DI ESSERE STATI FIGLI ED ESSERE STATI UBBIDIENTI . COSI E' CHI PROVIENE DAL SIGNORE .


PROVERBI - capitolo 4. 


1Ascoltate, o figli, l’istruzione di un padre
e fate attenzione a sviluppare l’intelligenza,
2poiché io vi do una buona dottrina;
non abbandonate il mio insegnamento.
3Anch’io sono stato un figlio per mio padre,
tenero e caro agli occhi di mia madre.
4Egli mi istruiva e mi diceva:
«Il tuo cuore ritenga le mie parole;
custodisci i miei precetti e vivrai.

venerdì 15 febbraio 2019

OGNI SAPIENZA, OGNI INTELLIGENZA A CUI L'UOMO FA RIFERIMENTO PROVENGONO SEMPRE DAL NOSTRO SIGNORE L'ETERNO .


PROVERBI - capitolo 2. 


1Figlio mio, se tu accoglierai le mie parole
e custodirai in te i miei precetti,
2tendendo il tuo orecchio alla sapienza,
inclinando il tuo cuore alla prudenza,
3se appunto invocherai l’intelligenza
e rivolgerai la tua voce alla prudenza,
4se la ricercherai come l’argento
e per averla scaverai come per i tesori,
5allora comprenderai il timore del Signore
e troverai la conoscenza di Dio,
6perché il Signore dà la sapienza,
dalla sua bocca escono scienza e prudenza.

giovedì 14 febbraio 2019

NOI TUTTI VASI ROTTI RICOMPOSTI E RESI DEGNI DAL SIGNORE .


Lettera ai Romani - capitolo 9. 


1Dico la verità in Cristo, non mento, e la mia coscienza me ne dà testimonianza nello Spirito Santo: 2ho nel cuore un grande dolore e una sofferenza continua. 3Vorrei infatti essere io stesso anàtema, separato da Cristo a vantaggio dei miei fratelli, miei consanguinei secondo la carne. 4Essi sono Israeliti e hanno l’adozione a figli, la gloria, le alleanze, la legislazione, il culto, le promesse; 5a loro appartengono i patriarchi e da loro proviene Cristo secondo la carne, egli che è sopra ogni cosa, Dio benedetto nei secoli. Amen.

MEDITAZIONI. L’amore e burro di arachidi, 1 Giovanni Cap.3

Genesi Cap.42
36 E Giacobbe, loro padre, disse: "Voi m’avete privato dei miei figliuoli! Giuseppe non è più, Simeone non è più, e mi volete togliere anche Beniamino! Tutto questo cade addosso a me!"
Non dobbiamo neppure immaginare che Giacobbe non avesse più bisogno della disciplina del Signore dopo Peniel.
Ne aveva bisogno e la ebbe.

lunedì 11 febbraio 2019

'SANTA E BENEDETTA E' LA PAROLA DELL'ETERNO SIGNORE DIO RIBELLARSI AD ESSA VUOL DIRE PERIRE .


LIBRO DEL PROFETA ISAIA - capitolo 30. 


1Guai a voi, figli ribelli
– oracolo del Signore –
che fate progetti senza di me,
vi legate con alleanze che io non ho ispirato,
così da aggiungere peccato a peccato.
2Siete partiti per scendere in Egitto
senza consultarmi,
per mettervi sotto la protezione del faraone
e per ripararvi all’ombra dell’Egitto.

giovedì 7 febbraio 2019

LA PRATICA PER UN FIGLIOLO DI DIO E' METTERE IN PRATICA I COMANDI DI GESU' .


Vangelo secondo Giovanni - capitolo 2. 


1Il terzo giorno vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. 2Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. 3Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». 4E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». 5Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».

mercoledì 6 febbraio 2019

COME UN FIUME IN PIENA FLUISCE LA PAROLA DEL SIGNORE .

DEUTERONOMIO - capitolo 32.
1«Udite, o cieli: io voglio parlare.
Ascolti la terra le parole della mia bocca!
2Scorra come pioggia la mia dottrina,
stilli come rugiada il mio dire;
come pioggia leggera sul verde,
come scroscio sull'erba.
3Voglio proclamare il nome del Signore:
magnificate il nostro Dio!